Progetto ConTatto - Lo Shiatsu in Ospedale

Le Associazioni di Volontariato “Porta Aperta” e “La Lampada di Aladino”

con gli operatori della Scuola di Formazione “L’Arte dello Shiatsu”

offrono l’opportunità

a pazienti operati per tumori al colon, mammella, utero, ovaio in trattamento chemioterapico adiuvante e a pazienti affetti da  linfomi in prima linea di trattamento, di sottoporsi volontariamente e gratuitamente ad un ciclo di trattamenti shiatsu, aderendo  al progetto

"ConTatto, lo Shiatsu in Ospedale"

Questa iniziativa nasce di concerto con il Servizio di Oncologia della AO G. Salvini e vuole utilizzare gli effetti positivi dello shiatsu nel favorire lo stato di rilassamento e di benessere del malato oncologico in trattamento chemioterapico, alleviandone i disturbi psico-fisici correlati alle condizioni cliniche.

Lo Shiatsu è infatti una tecnica corporea finalizzata al miglioramento dello stato di benessere, che utilizza pressioni dolci e benefiche su tutto il corpo esercitate sui medesimi punti dei canali energetici utilizzati dalla Medicina Tradizionale Cinese nell'agopuntura. La tecnica è effettuata con il paziente vestito, possibilmente con abiti comodi.

I benefici di una serie di trattamenti Shiatsu si riflettono sulla postura, sulla respirazione, sulla qualità del sonno, sul miglioramento della condizione psichica e fisica, in sintesi sul modo di vivere. La qualità della vita può migliorare sensibilmente perché si prova maggiore efficienza fisica e mentale, vitalità e modo di relazionarsi con il mondo.

Maggiori informazioni presso il Servizio  di Oncologia del Presidio Ospedaliero di Rho URP 02.99.55.553 o presso l'Associazione Arti per la Salute 02 93.15.750